MIGRANTI

COMUNE CAPOFILA:
OLEVANO ROMANO
Tel. 06 95600213 – 214
INVIA UNA MAIL

I bisogni espressi sono quelli relativi alla ricerca abitativa, alla consulenza per la regolarizzazione del soggiorno e all’area legale in genere, mentre la lingua è spesso appresa sul posto di lavoro; inoltre si è rilevato un forte bisogno di politiche strutturate dell’accoglienza e dell’educazione interculturale.

 

Una locale propensione all’accoglienza unita ad una certa regolarizzazione del flusso migratorio, hanno fatto sì che i valori della tolleranza e della interculturalità si affermasserosenza crisi sociali rilevanti, si tratta di un modello sociale in evoluzione, in cui prevale la presenza di temi riguardanti la coesione e l’equilibrio sociale; ciò non significa che non siassista ad episodi di intolleranza, intemperanza e conflittualità da ambo le parti, tuttavia ilfenomeno è in diminuzione e riguarda isolati casi, accompagnati talvolta da fenomeni ditrasgressione della legge e/o microcriminalità non organizzata.

 

I paesi di provenienza sono prevalentemente: Romania, Albania, Polonia, Ucraina e Moldavia; inoltre si assiste di recente ad un significativo incremento di persone immigrate dall’America Latina (Ecuador, Colombia, Perù e Argentina).

 

Nel distretto dunque il fenomeno dell’immigrazione sembra essersi sostanzialmente stabilizzato come tendenza alla stanzialità degli stranieri presenti, molto spesso condotti sul territorio dall’opportunità di lavori di manovalanza edilizia ed agricola e dalla possibilità, vista la capacità di accoglienza dei piccoli centri abitati, di ricongiungimento familiare e diinserimento dei minori, dato confermato da una presenza scolastica in aumento.

 

Detta tendenza, unitamente al citato aumento dei minori stranieri, ha suggerito possibilistrategie, volte a favorire il processo d’inclusione sociale, che partissero proprio dal coinvolgimento del target minorile e successivamente riuscissero a sensibilizzare le famiglie in ambito culturale e sociale.

 

Popolazione immigrata residente nei Comuni: 2500 unità.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi